Taggato: crisi

0

Buone ragioni per non cercare petrolio in Italia

Dieci buone ragioni per non trivellare in Italia di Giuliano Garavini, 23 marzo 2015 Il decreto legge chiamato “sblocca Italia”, tra le altre cose, è anche un decreto “sblocca trivelle”. Le decine di migliaia...

euro 0

Euro, un fallimento annunciato vent’anni fa

L’articolo che pubblichiamo di seguito ha venti anni. L’autore, Wynne Godley, noto economista britannico Post Keynesiano e collaboratore del Tesoro del Regno Unito, individua i problemi nella costruzione dell’Unione Monetaria a partire dal Trattato...

0

Russo Spena intervista Brancaccio

Intervista a Emiliano Brancaccio di Giacomo Russo Spena Le elezioni in Grecia del prossimo 25 gennaio hanno assunto una valenza europea. La vittoria di Syriza e del suo leader Alexis Tsipras incutono paura alla...

0

Perchè il governo sbaglia le previsioni [video]

Radio Popolare, 21 ottobre 2014. Intervista all’economista Emiliano Brancaccio, dell’Università del Sannio. Come ha riconosciuto persino il FMI, dietro gli errori di previsione sul Pil delle istituzioni internazionali e dei governi sussiste un problema...

0

Brancaccio: le balle sull’articolo 18 [video]

Radio Due, Ovunque6, 21 settembre 2014. Le nuove proposte del governo Renzi sul mercato del lavoro mirano ad accrescere ulteriormente la flessibilità dei contratti, prevedendo in alcuni casi anche l’abolizione delle tutele dell’articolo 18...

euro 0

Sulle capacità contributive dei redditi da lavoro

Sulle capacità contributive dei redditi da lavoro La disuguaglianza dei redditi tra le persone in età lavorativa è aumentata drasticamente nei primi anni Novanta e da allora è rimasta a un livello elevato, nonostante...

0

Vent’anni bastano e avanzano

Mentre si manomette la Costituzione, registriamo le notizie sul paese in recessione. Finita l’ubriacatura europea, finito l’effetto propaganda degli 80 euro, finite le chiacchiere sulla voce grossa di Renzi in Europa, le chiacchiere stanno...

0

Matteo, Piero e gli 80 euro…

E si questa volta anche noi ci siamo fatti prendere da un titolo ad effetto, quelli che tanto di moda vanno sui social network e che convincono a condividere un articolo senza neanche leggerlo....