Reddito minimo e postfordismo: martedì 25 febbraio a Tesla

reddito minimo postofordismoGiso Amendola e Luigi Pannarale su reddito minimo e postfordismo

L’associazione molfettese Tesla ha inaugurato un percorso di riflessione sul reddito minimo universale nella società postfordista. Tale percorso continua con una conferenza, martedì 25 Febbraio, in cui avranno modo di relazionare sul tema due punti di riferimento della filosofia e sociologia del diritto italiana: Giso Amendola e Luigi Pannarale, moderati da Giacomo Pisani.
Il postfordismo si caratterizza per l’affermazione di una produttività diffusa, a carattere immateriale, che, secondo i teorici del capitalismo cognitivo, viene ingabbiata dal capitale in maniera parassitaria. Come liberare questi saperi, la ricchezza di relazioni e di socialità, che sempre più vengono mortificati e ricercano spazi di espressione e di cittadinanza? La discussione investe alcuni dei problemi cruciali della contemporaneità: dalla precarizzazione del lavoro al mancato investimento sulla ricerca e sulla formazione, dalla crisi economica ai movimenti di riappropriazione degli spazi e della sovranità politica.
L’incontro avrà luogo nella sede di Tesla, in via Tenente Ragno 62, alle 19.
Durante l’iniziativa, come ogni pomeriggio e sera presso la nostra sede, sarà possibile firmare la Petizione Popolare per l’istituzione di un Reddito di Formazione cittadino, un sussidio per liberare il percorso di formazione dello studente dall’obbligo del lavoro a tutti i costi (spesso a nero e sottopagato), togliendo tempi, spazi ed energie preziose per il proseguimento dei propri studi (la condizione di studente-lavoratore è una delle principali cause di abbandono delle università).
Giso Amendola è professore ordinario di Filosofia e sociologia del diritto presso l’Università di Salerno. Luigi Pannarale è professore ordinario di Sociologia del diritto presso l’Università di Bari. Giacomo Pisani, moderatore dell’incontro, è dottorando di ricerca in Filosofia e sociologia del diritto all’Università di Torino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: